5 cose da fare in un Bilancio Partecipativo

La pratica del “Bilancio Partecipativo” nasce a Porto Alegre in Brasile e viene attuata per la prima volta nel 1989 . Il metodo consente ai cittadini di esprimersi in prima persona su come comporre il bilancio del proprio Comune di appartenenza. Prende diverse forme e direzioni ma l’idea alla base è che, è che, dando ai membri di una comunità la possibilità di gestire in maniera pressoché diretta parte delle finanze pubbliche , si aumenti la consapevolezza delle persone rispetto ai meccanismi della macchina amministrativa e della politica, andando almeno in parte a ricomporre le fratture della comunità stessa e di occuparsi in questo modo di temi concreti.

Ogni cittadino può dunque presentare un’idea per migliorare la qualità della vita comune. Ma come rendere il proprio progetto chiaro ed efficace? Ozelot Lab ha confezionato un piccolo vademecum in 5 punti.

1 .  Vendere un sogno partendo da una solida realtà
Il progetto deve essere qualcosa che emoziona – un sogno – ma per attecchire ha bisogno di suggestioni concrete: un luogo specifico, esempi di progetti simili realizzati altrove, eccetera. La nostra immaginazione si attiva attraverso ciò che ci è familiare: non bisogna dimenticarlo.

2 . Individuare gli “stakeholder”, i portatori di interesse
Ogni idea ha sicuramente persone potenzialmente interessate, magari sono pure già raggruppate in qualche forma: parlando, ad esempio, di una ludoteca per bambini, si potrebbero trovare/attivare gruppi Whatsapp di genitori. Coinvolgere terzi è una delle migliori opzioni. Va tenuto a mente che spesso, ai Bilanci Partecipativi, vota solo una piccola parte di popolazione, dunque il serbatoio maggiore è quello dell’astensione!

3 . Attenzione ai regolamenti
Ogni Bilancio Partecipativo è diverso dagli altri e conoscere il regolamento del proprio è importantissimo. Ad esempio: quanto denaro viene messo a disposizione e secondo quali criteri? I finanziamenti sono tutti uguali o si distinguono per tipologie diverse di spesa? Come si può materialmente presentare un progetto, in che forma e in quali ambiti di intervento? Solo conoscendo il regolamento del proprio Bilancio Partecipativo di riferimento si può capire al meglio in che forma presentare la propria idea, facendola rientrare nelle linee di indirizzo proposte dal Comune, determinando le spese necessarie alla sua realizzazione e rendendolo, a tutti gli effetti, competitivo. Può essere utile, se sono disponibili, dare un’occhiata ai progetti vincitori delle edizioni precedenti.

4 .  Non lasciare solo il proprio progetto
Sembra un’ovvietà ma, nella pratica, accade di vedere cittadini che, una volta fatta la propria proposta, la abbandonano e smettono di prendersene cura. Nei vari step del Bilancio Partecipativo è però facile che, se non seguito, il progetto non venga più portato avanti. È solamente naturale che, mancando un proponente attivo, l’idea non riesca a brillare da sola, magari spiegata in poche righe di testo.

5 . Più il progetto è costoso, meno è probabile che passi
Può capitare di avere in mente un’idea che richiederebbe spese alte per essere realizzata: bisogna fare i conti con il fatto che le proposte molto costose devono (solitamente) posizionarsi in cima alla classifica per essere finanziate. Più con la propria richiesta ci si avvicina alla totalità del fondo messo a disposizione, infatti, più il progetto ha bisogno di posizionarsi in alto per essere finanziato.

… e non è finita qui!

Cittadini e amministratori creano un intero e delicato ecosistema intorno a un Bilancio Partecipativo: la comunicazione fra i due è assolutamente fondamentale e deve accompagnarsi alla fiducia reciproca. Un Bilancio Partecipativo non deve mai essere ridotto a strumento per creare consenso (o testarlo) attorno ad una idea dell’amministrazione, né lo si può intendere come mezzo per “trovare i fondi”, perché se l’amministrazione crede in un progetto cerca anche il modo per finanziarlo. Ogni interpretazione o uso differente snaturerebbe l’essenza dello strumento partecipativo, allontanando così cittadini che potrebbero sentirsi “presi in giro” e prenderebbero le distanze dalla macchina comunale, andando a vanificare ogni sforzo per raggiungere il reale obiettivo del metodo: creare comunità.

 

Ipercomplessità: che fare?

Dobbiamo fare i conti con una grande verità: la nostra società è altamente complessa e spesso assume sembianze multi problematiche. Se accettiamo la complessità, la sfida della complessità, e ci sforziamo di esserne all’altezza, dovremmo fare i conti anche con i sentimenti umani che nascono in risposta, come rabbia o rassegnazione, che sono parte della complessità stessa.

La rabbia non è un’emozione puerile o insignificante e anche con lei bisogna misurarsi. La rabbia abbatte e si esaurisce in se stessa. Se vogliamo innescare un cambiamento profondo e duraturo, i sentimenti accesi possono essere un buon punto di partenza, ma per proseguire, per affrontare le difficoltà, per creare un dialogo e diventare interlocutori credibili vanno raffinati e indirizzati, trasformati in un potenziale creativo e non solo distruttivo: per generare un processo efficace servono tempo, fatica, studio e dedizione e lo sfogo livoroso non basta.

Se questo non avviene, spenta la rabbia, di fronte alla complessità rimane la rassegnazione: la sensazione spiazzante che i problemi siano troppo grandi, intricati, granitici e non aggredibili lascia inermi e immobili.

Dobbiamo, quindi, fare i conti con un’altra seconda verità: ognuno ha frammenti di conoscenza, più o meno ampi, più o meno importanti e per avere un quadro più completo dobbiamo fidarci e collaborare gli uni con gli altri.
Metterli insieme, con fatica e dedizione, imparando gli uni dagli altri quanto basta per concordare soluzioni ai nostri problemi. Ci limitiamo a fare un passo alla volta, di prendere una situazione alla volta e di lavorarci assieme per migliorarla. E speriamo che dando l’esempio, piano piano, questa azione generi una cultura della collaborazione, una rivoluzione dolce, lenta ma costante.

Per farlo non possiamo fare divisioni e chiunque voglia offrire il proprio contributo, il proprio tempo o la propria presenza è il benvenuto. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti e l’aiuto di tutti è prezioso: “chiunque è la persona giusta”.

Il nostro compito è quindi accettare la complessità e con analisi e metodo cercare di fare da tramite tra la società e le istituzioni, tra abitanti e professionisti, di facilitare l’incontro tra soggetti per la risoluzione di problemi comuni e di aumentare le occasioni per comunicare.

Partecipazione vs Populismo, il match

“Partecipare” per noi significa raccogliere idee e pensieri costruttivi per realizzare un fine e migliorare una condizione carente. Non vogliamo offrire un megafono per i malumori né legittimare posizioni violente ma offrire uno spazio dedicato alla conciliazione dei bisogni e opportunità, un luogo di confronto, un terreno per un miglior vivere.

Vogliamo, a tale proposito, operare una distinzione tra “modello populista” e “modello partecipativo” e la linea di divisione è il modo in cui generano consenso.

In un modello partecipativo gli attori pubblici e privati promuovono il bene della collettività tramite confronto, dando peso alla discussione pubblica, migliorando la qualità del discorso pubblico e permettendo alle persone di comprendersi l’un l’altra, impegnandosi per istituzionalizzare i metodi di partecipazione democratica.

All’interno di un paradigma populista, invece, i leader favoriscono gli interessi particolaristi di una singola fazione in cambio di sostegno. Essi, spesso, manipolano la realtà a loro uso e consumo e la ipersemplificano, la spaccano in due con una accetta: da un lato la società particolare a cui dicono di rivolgersi, stremata e vessata, e dall’altra i poteri forti, sempre malvagi e sordi alle loro esigenze.

La gestione del malcontento cambia nei due casi: nel “modello populista” si attizza il fuoco della rabbia e della frustrazione mentre nel “modello partecipativo” è motore creativo, elemento da incorporare per un nuovo e maggiore consenso.

Da un lato, quindi, abbiamo un atteggiamento di rispetto reciproco, mutuo aiuto nel trovare soluzioni, una crescita personale, una società costruita sull’accordo, dall’altra, invece, una visione della società che ha nella coercizione della maggioranza sulla minoranza il suo leit motiv, la sua essenza e non potrà che portare conflitti in cui il singolo cittadino dovrà schierarsi, riducendo la sua capacità critica. Nella ricerca di consenso, il “modello populista” si spaccia per l’alternativa alla politica classica di cui non è altro che il doppio parodico. a volte contiguo, se non miscelato.

La nostra idea è di non vendere una demagogia ad alta digeribilità o un’idea scadente al discount della democrazia: con onestà intellettuale, pazienza e dando un orecchio e una voce a chi lo vuole proponiamo la nostra idea di una società più giusta; questo è ciò che siamo e quello in cui crediamo.888

Ex raccordo dismesso a Pavia: un laboratorio di progettazione

Quella che segue è la sintesi di quanto emerso dai tavoli di lavoro del laboratorio di progettazione partecipata, svolto il 24 maggio 2017 con tema “Cosa fa bello il quartiere?” legato, in modo particolare, alla zona dell’ex raccordo dismesso.

Non è facile trasmettere l’energia e la vitalità del dialogo, siamo ben consci della difficoltà dell’impresa. Tuttavia vogliamo provare a restituire nella maniera più fedele, chiara e dettagliata possibile quanto è emerso dal gruppo di lavoro, avendo la massima cura di non alterare l’essenza dei pensieri e di tutti gli interventi fatti. Questo breve testo sarà un ricordo del pomeriggio in cui abbiamo scelto di metterci in gioco e di regalare parte del nostro tempo al bene di tutti, in maniera positiva e propositiva; verrà messo a disposizione dell’associazione Moruzzi Road come base di partenza per le sue attività di sensibilizzazione e coinvolgimento degli abitanti del quartiere.

Visione dall’alto

Il quadro che è emerso è positivo, uno spaccato felice, critico e onesto del rapporto tra cittadino e quartiere.
Sono emersi alcuni temi ricorrenti, tra cui l’abbondanza di zone verdi, molto gradite. Il polo scolastico composto dalle tre scuole molto vicine e in più l’oratorio hanno generato una socialità e hanno accorciato la distanza tra le famiglie: i ragazzi diventano dei punti in comune tra gli adulti e delle occasioni di scambio e confronto.
La presenza di servizi essenziali come la farmacia, il supermercato, bar, il negozio connotato come “del vicinato” è stata tenuta in gran conto. Allo stesso modo positivo è stata giudicata la vicinanza con il centro e con l’ospedale, raggiungibili a piedi, e la presenza di installazioni sportive e dei collegi universitari. Il quartiere è sia giovane, poiché abitato da giovani studenti, sia popolato da persone più mature e famiglie. La tranquillità e la sicurezza sono molto apprezzate, alcune persone utilizzano via Moruzzi come passeggiata per andare a messa a San Lanfranco.

Problemi e proposte

Il problema più sentito è legato alla pulizia, in particolare modo agli escrementi dei cani (per quanto sia stato sottolineato che la situazione, nel tempo, è migliorata). La questione delle aree verdi è molto sentita e si articola su vari piani. Da un lato sono stati richiesti dei fiori per abbellire la zona. Dall’altro si vorrebbe arricchire i giardini anche con una identità e una finalità più specifiche. Entrambe le proposte sono modalità per prendersi cura del quartiere. Potrebbe rilevarsi interessante una connessione, fisica e di comunità, tra le varie zone di verde esistenti – oltre a via Moruzzi, ad esempio, quella di via Flarer o di via Aselli – collegandole in una sorta di arteria verde del quartiere.
L’ufficio tecnico del Comune di Pavia, fra le proposte emerse durante il Bilancio Partecipativo del 2016, ha approvato il progetto della ciclabile dalla stazione al Ticino, che passa proprio da via Moruzzi, così da incentivare sia l’utilizzo della bicicletta sia migliorare il collegamento con il resto della città. Sarà anche un’occasione per rivitalizzare e riarredare la strada in questione.

Conclusioni

L’idea estemporanea dell’incontro ha fatto da scintilla per lo scaturire di idee, ha fatto da effetto domino per discutere di uno spazio che tutti utilizziamo.
La filosofia di fondo del metodo applicato è di creare sinergie inaspettate e di fare parlare le persone in modo informale e rilassato. Possiamo dire di esserci riusciti, grazie al contributo, alla generosità e al coraggio di tutti e che l’esito sia stato molto soddisfacente.