Ex raccordo dismesso a Pavia: un laboratorio di progettazione

Quella che segue è la sintesi di quanto emerso dai tavoli di lavoro del laboratorio di progettazione partecipata, svolto il 24 maggio 2017 con tema “Cosa fa bello il quartiere?” legato, in modo particolare, alla zona dell’ex raccordo dismesso.

Non è facile trasmettere l’energia e la vitalità del dialogo, siamo ben consci della difficoltà dell’impresa. Tuttavia vogliamo provare a restituire nella maniera più fedele, chiara e dettagliata possibile quanto è emerso dal gruppo di lavoro, avendo la massima cura di non alterare l’essenza dei pensieri e di tutti gli interventi fatti. Questo breve testo sarà un ricordo del pomeriggio in cui abbiamo scelto di metterci in gioco e di regalare parte del nostro tempo al bene di tutti, in maniera positiva e propositiva; verrà messo a disposizione dell’associazione Moruzzi Road come base di partenza per le sue attività di sensibilizzazione e coinvolgimento degli abitanti del quartiere.

Visione dall’alto

Il quadro che è emerso è positivo, uno spaccato felice, critico e onesto del rapporto tra cittadino e quartiere.
Sono emersi alcuni temi ricorrenti, tra cui l’abbondanza di zone verdi, molto gradite. Il polo scolastico composto dalle tre scuole molto vicine e in più l’oratorio hanno generato una socialità e hanno accorciato la distanza tra le famiglie: i ragazzi diventano dei punti in comune tra gli adulti e delle occasioni di scambio e confronto.
La presenza di servizi essenziali come la farmacia, il supermercato, bar, il negozio connotato come “del vicinato” è stata tenuta in gran conto. Allo stesso modo positivo è stata giudicata la vicinanza con il centro e con l’ospedale, raggiungibili a piedi, e la presenza di installazioni sportive e dei collegi universitari. Il quartiere è sia giovane, poiché abitato da giovani studenti, sia popolato da persone più mature e famiglie. La tranquillità e la sicurezza sono molto apprezzate, alcune persone utilizzano via Moruzzi come passeggiata per andare a messa a San Lanfranco.

Problemi e proposte

Il problema più sentito è legato alla pulizia, in particolare modo agli escrementi dei cani (per quanto sia stato sottolineato che la situazione, nel tempo, è migliorata). La questione delle aree verdi è molto sentita e si articola su vari piani. Da un lato sono stati richiesti dei fiori per abbellire la zona. Dall’altro si vorrebbe arricchire i giardini anche con una identità e una finalità più specifiche. Entrambe le proposte sono modalità per prendersi cura del quartiere. Potrebbe rilevarsi interessante una connessione, fisica e di comunità, tra le varie zone di verde esistenti – oltre a via Moruzzi, ad esempio, quella di via Flarer o di via Aselli – collegandole in una sorta di arteria verde del quartiere.
L’ufficio tecnico del Comune di Pavia, fra le proposte emerse durante il Bilancio Partecipativo del 2016, ha approvato il progetto della ciclabile dalla stazione al Ticino, che passa proprio da via Moruzzi, così da incentivare sia l’utilizzo della bicicletta sia migliorare il collegamento con il resto della città. Sarà anche un’occasione per rivitalizzare e riarredare la strada in questione.

Conclusioni

L’idea estemporanea dell’incontro ha fatto da scintilla per lo scaturire di idee, ha fatto da effetto domino per discutere di uno spazio che tutti utilizziamo.
La filosofia di fondo del metodo applicato è di creare sinergie inaspettate e di fare parlare le persone in modo informale e rilassato. Possiamo dire di esserci riusciti, grazie al contributo, alla generosità e al coraggio di tutti e che l’esito sia stato molto soddisfacente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *