15 fumettisti entrano in un caffè

Hai un pugno di fumettisti (quelli della Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco, mica pizza e fichi) che, seppure a distanza, stanno lavorando allo stesso progetto editoriale ma si conoscono poco fra loro. Vuoi fare in modo che possano ritrovarsi intorno a un tavolo, discutere e confrontarsi in modo rilassato… who you gonna call? Ozelot Lab!

Il metodo che abbiamo scelto: il World Cafè

Per questo laboratorio, che si è svolto di domenica mattina, abbiamo scelto una metodologia leggera, molto simile a una chiacchierata al bar: il World Cafè. Si tratta, in sintesi, di organizzare lo spazio in piccoli tavoli da 3-5 persone che, in un tempo di 15-20 minuti, si confrontano sul tema proposto. Per ogni gruppo viene scelto un “capotavola” che prende nota di quanto viene discusso. Allo scadere del tempo, tutti i partecipanti cambiano tavolo, cercando di mischiarsi il più possibile. Solo i capitavola restano a sedere e “ricevono” i nuovi ospiti presentando loro quando discusso fino a quel momento: starà al nuovo gruppo decidere se continuare su quel filone o portare nuovi argomenti. Il cambio di posto si ripete per 3 o 4 volte, dopodiché i capitavola illustrano in plenaria quanto emerso, raccogliendo eventuali nuove osservazioni dei partecipanti.

Per chi volesse saperne di più, abbiamo già parlato del World Cafè in questo articolo, allegando anche del materiale di approfondimento.

Sul luogo in cui si è svolto il World Cafè

La scelta del luogo è importante tanto quanto quella della metodologia e il nostro laboratorio si è svolto in un contesto davvero peculiare e stimolante. Siamo stati ospitati dal Bar Lucio, punto di aggregazione ormai storico della periferia di Milano, in zona Corvetto. Un luogo pieno zeppo di libri, disegni, ammennicoli, soprammobili particolari e, soprattutto, di calore umano: ogni avventore, entrando, saluta Lucio per nome e lui spesso fa altrettanto, magari offrendo un cannolo al caffè o del mais piccante. Il clima perfetto per chi vuole consolidare legami fra le persone!

Il contesto relazionale: la singolarità di questo World Cafè

Ciò che ha reso particolare il laboratorio non è stato tanto il suo svolgimento in sé: interessante è lo scopo per cui è stato sviluppato rispetto al contesto di relazioni in cui si è inserito.

Come accennato qualche paragrafo fa, tutto è nato intorno a un progetto editoriale: un’antologia di storie a tema “abitare”, firmate ognuna da un allievo o ex allievo del corso di fumetto. Il World Cafè è arrivato nel momento che poteva sembrare il meno indicato: il libro in cantiere, oltre ad avere già un tema molto ben definito, aveva anche buona parte delle storie confermate. Se non si trattava di pianificare il lavoro, a cosa sarebbe potuto servire un laboratorio?

Nonostante gli spazi della Scuola siano aperti a tutti coloro che partecipano al progetto, sono pochissimi quelli che, oltre agli allievi attuali, riescono effettivamente a lavorare in aula. Il risultato è un uso massiccio della mail per le comunicazioni essenziali, processo molto spersonalizzante e distanziante.

La necessità primaria era perciò quella di rinsaldare la relazione fra le persone legate al progetto, dando a tutti la possibilità di esprimersi e di capire, discutendone insieme, quale fosse il fattore unificante di tutte le storie dell’antologia, ciò che i singoli racconti avevano in comune.

Trovare e definire quello spazio tra un lavoro quasi individuale e imbastito e l’opera collettiva non è stato semplice, ma ce l’abbiamo fatta! Da qui il tema, largo ma mirato al contempo, del World Cafè: “Qual è il mio/tuo/nostro posto nel progetto?”

Mischiare è bello!

Il gruppo dei partecipanti era molto eterogeneo: alcuni si conoscevano fra loro, altri per nulla, altri ancora si erano talvolta incrociati in qualche occasione. Questo disequilibrio generale era molto evidente prima del laboratorio, quando i partecipanti man mano raggiungevano il bar: la tendenza era, naturalmente, quella di riunirsi fra conoscenti, a piccoli gruppi.

Il World Cafè è culminato in un pranzo e, di seguito, in un’ulteriore attività di gruppo pomeridiana organizzata dalla Scuola. La situazione iniziale era in buona parte ribaltata. Il “mischiarsi”, che è invito fondamentale del World Cafè, era entrato a far parte della modalità relazionale di quel momento, e della giornata tutta.

Certo, si è trattato solo di qualche ora, ma ci sembra che il laboratorio abbia raggiunto il suo scopo: trasformare una manciata di persone in un gruppo di lavoro attraverso la sfida dell’ascolto, della fatica, ma anche del gioco e dell’ironia, perché serve una forte dose di umorismo per fare le cose serie.

Per consultare il report del World Cafè basta cliccare su questo link!

ABC: P come “Partecipazione”

Ci hanno sempre detto che l’importante non è vincere, ma partecipare. Secondo noi, se partecipi, hai già vinto.

Partiamo da questo assunto: noi trattiamo la partecipazione in relazione alla cosa pubblica. Ci interessa, in questa sede, raccontare che il cittadino ha la possibilità, il diritto e il dovere di prendere una posizione ed esprimerla riguardo la gestione di spazi pubblici e riguardo i cambiamenti che avvengono nel proprio contesto.

Storicamente partecipiamo, ovvero “prendiamo parte” a un processo inerente la cosa pubblica esprimendo un voto e delegando poi ad altri l’onere di entrare in azione: l’effetto è che, spesso, finiamo col percepire come distante e fumoso ciò che ci tocca più da vicino: il nostro quartiere, le vie che ci portano a scuola e al lavoro, i tetti che ritagliano i nostri orizzonti, fisici e mentali. Senza nulla togliere alle basilari pratiche della democrazia rappresentativa, noi abbiamo l’ambizione di spostare l’accento su un meccanismo più coinvolgente e stimolante, più vicino alle esigenze del nostro vivere e del nostro quotidiano e più calato nel nostro tempo. Ebbene, vogliamo mettere in mano la città ai propri legittimi proprietari, i cittadini membri della comunità, contribuenti e pertanto titolari di diritti. Per fare ciò pensiamo che una maniera efficace sia di intraprendere percorsi di progettazione partecipata. Si tratta di un percorso di democrazia diretta durante il quale i portatori di interesse contribuiscono alla progettazione di un prodotto che rifletta i loro gusti e desideri e che sarà fruibile.

Seguiremo le linee guida della Carta della Partecipazione, un documento che ne riassume in maniera semplice e chiara i principi fondamentali. Un processo partecipativo è innanzitutto cooperativo e cerca di riunire e far lavorare alla pari ogni membro della società, incoraggiando rapporti di fiducia fra i singoli e la continua e accessibile informazione sull’andamento del percorso. Promuove un reale ascolto delle opinioni di tutti, coinvolgendo i partecipanti nell’analizzare a fondo i problemi che si pongono; non si tratta però di una somma di idee, bensì di scelte condivise, frutto di mediazione. Chi promuove un processo partecipativo dev’essere super partes e non istigare in alcun modo polarizzazioni o divisioni all’interno del gruppo.

Si dirà: una definizione così sintetica e astratta non potrà mai essere utile a livello pratico e concreto. Getta tuttavia solide basi per comprendere la natura di un percorso di progettazione partecipata, ovvero qualcosa di molto pragmatico, che porta in grembo un cambiamento culturale profondo se accolto sia dai cittadini che dall’amministrazione.
Utopia? Chiediamolo ai vicini di casa milanesi che, a maggio 2015, sul finire del mandato Pisapia, hanno visto approvare il documento in due parti Progettare insieme la città (parte 1 / parte 2), stilato da Comune e professionisti della partecipazione. Il testo verrà adottato in via sperimentale per 2 anni e propone delle linee guida per ogni aspetto del percorso partecipativo: al suo interno si possono infatti trovare le diverse tecniche e metodologie proprie della partecipazione, istruzioni per formare il personale amministrativo dell’ente pubblico, suggerimenti per reperire finanziamenti e coinvolgere in modo costruttivo eventuali privati proprietari di luoghi da riprogettare.

Il Comune di Milano si è dunque reso disponibile (attenzione: non si è obbligato!) a mettere in campo percorsi partecipativi per realizzare progetti urbanistici. Come a dire: il rischio di veder ignorato questo importante testo è praticamente dietro l’angolo ma vale la pena di essere affrontato, non solo a Milano ma in ogni città.

Per approfondire:
La partecipazione dei cittadini: un manuale
(di Patrizia Nanz e Miriam Fritsche)